fbpx
Cover_design ecosostenibile_eversivo

Il design ecosostenibile è possibile! Ecco come…

Il design sostenibile è una pratica importante che mira a ridurre l’impatto ambientale dei prodotti, delle strutture e degli oggetti che utilizziamo nella nostra vita quotidiana. Nell’ambito del design, l’uso di questi materiali è fondamentale per promuovere uno sviluppo sostenibile e responsabile.

Quali sono questi materiali e come possiamo riconoscerli?

  •  Legno certificato FSC (Forest Stewardship Council): Il legno proveniente da foreste certificate FSC è ottenuto da fonti gestite in modo consapevole, questo tipo di legno riduce l’incidenza della deforestazione e promuove pratiche di gestione forestale responsabile.
  • Bambù: cresce rapidamente, richiede poche risorse e ha una capacità di rigenerazione elevata. Può essere utilizzato per mobili, pavimenti, oggetti decorativi e altro ancora.
  • Materiali riciclati: L’utilizzo di materiali come plastica, alluminio o vetro riciclati aiuta a ridurre la quantità di rifiuti e l’estrazione di materie prime vergini.
  • Tessuti organici: I tessuti realizzati con fibre naturali coltivate in modo biologico, come il cotone biologico, lino o canapa, sono una scelta sostenibile per il design tessile. Questi materiali richiedono meno pesticidi e sostanze chimiche tossiche durante il processo di produzione.
  • Materiali riciclabili: La progettazione di prodotti utilizzando materiali che possono essere facilmente riciclati alla fine della loro vita utile aiuta a chiudere il ciclo di vita dei materiali e ridurre l’impatto ambientale.
  • Cemento e calcestruzzo a basse emissioni di carbonio: L’industria del cemento è una delle fonti più significative di emissioni di carbonio. Tuttavia, ci sono sviluppi in corso per produrre tali elementi con un’impronta di carbonio inferiore utilizzando materiali alternativi o nuovi processi di produzione.
  • Materiali biodegradabili: si decompongono naturalmente nel tempo, riducendo l’accumulo di rifiuti.
    A esempio: plastiche biodegradabili, materiali compostabili e bioplastiche.
  • Terracotta: è una scelta ecologica per il design delle ceramiche, poiché è prodotta con argilla naturale e cotta a basse temperature, riducendo l’energia necessaria per il processo di cottura.
  • Sughero: Il sughero è un materiale naturale e rinnovabile derivato dalla corteccia della quercia da sughero. È leggero, resistente e biodegradabile.
  • Pietra naturale: Utilizzare granito o marmo, può essere sostenibile se proveniente da cave gestite in modo responsabile e con criteri di sostenibilità ambientale.

Oltre a scegliere materiali ecosostenibili, è importante anche considerare il ciclo di vita dei prodotti, il loro smaltimento e la progettazione per la durabilità e la riparabilità, contribuendo così a un approccio complessivo più sostenibile nel campo del design.

Perché scegliere materiali ecosostenibili?

In un mondo in cui il consumismo la fa da padrona, fare una scelta di questo tipo è un atto di amore e di lungimiranza nei confronti del pianeta e di tutti gli esseri umani. Basterebbe questo a convincere chiunque a cambiare prima di tutto il modo di pensare e di approcciarsi a questo tema e successivamente all’utilizzo di questi prodotti nella vita di tutti i giorni.
Potremmo sintetizzare così alcune ragioni fondamentali per scegliere materiali ecosostenibili anche nel design e in altre industrie:

  1. Riduzione dell’impatto ambientale: I materiali ecosostenibili hanno un impatto ambientale inferiore rispetto ai materiali tradizionali. La loro produzione comporta meno emissioni di gas serra, minore consumo di risorse naturali e meno inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo.
  2. Conservazione delle risorse: Utilizzare materiali provenienti da fonti rinnovabili o riciclati permette di preservare le risorse naturali limitate del nostro pianeta. Riducendo la dipendenza da materie prime non rinnovabili, possiamo aiutare a prevenire l’esaurimento delle risorse.
  3. Promozione della biodiversità: Alcuni materiali tradizionali, come il legno ottenuto da foreste non gestite in modo sostenibile, possono causare la deforestazione e la perdita di habitat per la flora e la fauna. L’uso di materiali ecosostenibili può contribuire a preservare la biodiversità e gli ecosistemi naturali.
  4. Minore produzione di rifiuti: I materiali ecosostenibili spesso generano meno rifiuti durante il processo di produzione e possono essere facilmente riciclati o compostati alla fine del loro ciclo di vita. Ciò riduce la quantità complessiva di rifiuti prodotti e promuove una gestione dei rifiuti più sostenibile.
  5. Salute umana e benessere: Alcuni materiali tradizionali possono contenere sostanze tossiche o allergeni che possono essere dannosi per la salute umana. L’utilizzo di materiali ecosostenibili, come tessuti biologici o vernici a basso contenuto di VOC (composti organici volatili), può contribuire a creare ambienti più sicuri e salubri per le persone.
  6. Responsabilità sociale: L’adozione di questi ultimi dimostra un impegno per la sostenibilità ambientale e sociale. Questa scelta se fatta seriamente può contribuire a costruire un’immagine positiva per le aziende e le organizzazioni, attirando consumatori e partner commerciali sensibili alle questioni ambientali.
  7. Adattamento alle normative: Molte nazioni stanno introducendo normative e regolamenti più rigidi in materia di sostenibilità e riduzione dell’impatto ambientale.

In sintesi, l’utilizzo di queste soluzioni è un passo importante verso uno sviluppo sostenibile e responsabile, aiutando a proteggere l’ambiente, preservare le risorse naturali e migliorare la qualità della vita per le generazioni future.

Abbiamo parlato di responsabilità sociale seria, ma cosa intendiamo? Cioè come possiamo evitare di cadere nella trappola del “brand washing”?

Per evitare il “brand washing”, è essenziale che le aziende e le organizzazioni siano trasparenti e autentiche nelle loro iniziative sostenibili. Il termine “brand washing” si riferisce alla pratica di alcune aziende di promuovere se stesse come ecologiche o socialmente responsabili attraverso campagne di marketing e comunicazioni, anche se le loro azioni e pratiche interne sono ben lontane dalla sostenibilità effettiva. In altre parole, è un modo per sfruttare l’interesse del pubblico per questioni ambientali o sociali, senza impegnarsi realmente nel cambiamento positivo.

Nella nostra realtà artigianale abbiamo sempre avuto un occhio di riguardo per questo argomento, avendo a cuore il legno e la pietra come elementi per i nostri arredi su misura. Negli anni abbiamo fatto ricerca affinché oltre a questi materiali naturali potessimo utilizzare anche nuovi prodotti che sposassero la nostra idea di design ecosostenibile…

Alcuni esempi? 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Eversivo design chiavi in mano

Eversivo shop